4: Ritorno al lavoro

4
Ritorno al lavoro

Qual è il mio ruolo nel processo di ritorno al lavoro?

Conosci i tuoi diritti

Il tuo datore di lavoro è tenuto per legge, ai sensi del D. lgs. 9 luglio 2003, n. 216. “Attuazione della direttiva 2000/8/CE per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro”, a garantire lo stesso trattamento a tutti i lavoratori e a prevedere accomodamenti ragionevoli per le persone disabili. Ciò significa che i datori devono adottare misure adeguate per permettere alle persone con disabilità di avere accesso e contribuire al lavoro.

È importante che tu conosca i tuoi diritti e che tu sia informato circa la politica della tua azienda nell’ambito del ritorno al lavoro nel caso in cui ti venga diagnosticata una patologia o subisca un infortunio.

L’importanza della collaborazione

Generalmente, un ritorno al lavoro adeguato richiede la collaborazione fra te, il tuo datore, l’assistente sanitario e il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. Il tuo datore di lavoro dovrebbe collaborare con te e il tuo dottore o con il personale sanitario per elaborare un piano di ritorno al lavoro basato sulle tue effettive capacità.

Se sei ancora in congedo per malattia, prova a rimanere in contatto con il tuo datore di lavoro fin dall’inizio. Ciò potrebbe includere:

  • effettuare telefonate o mandare email con regolarità;
  • chiedere di essere aggiornato su ciò che accade al lavoro;
  • concordare i dettagli della tua malattia o disabilità che possono essere resi noti ai tuoi colleghi e quali invece dovrebbero rimanere riservati.

Più di ogni altra cosa, sono fattori importanti ai fini di un adeguato reinserimento la tua partecipazione attiva nel processo di ritorno al lavoro e la motivazione nel tornare a lavorare il prima possibile.

Esempi di buone pratiche